Monica Guerritore official website

Se non avessimo fine

cinema, monica scrive, politica, solidarietà, teatro Area commenti (0) »

Nessuna cattedrale da costruire, nessuna opera d’arte, nessuna cura di un mondo che di noi non avrà memoria.Pensare che con la nostra morte si concluda tutto rende sterile, inutile ogni slancio e ferma il progresso, la costruzione del Mondo futuro, la salvezza di quello esistente.

Continua...

La funzione del TEATRO nell’era della “riproduzione”

monica scrive Area commenti (6) »

Non chiederci la parola che squadri da ogni lato l’animo nostro informe….Montale   Nella società di oggi la grande distribuzione opera su clichè la  cui forma originale ha richiesto via via tratti esteriori semplificati per facilitarne la replica a livello industriale  e rendere il prodotto adattabile al maggior numero di utenti / menti possibili Il […]

Continua...

La Presidenza della Giuria della 52esima edizione del Premio Campiello

monica scrive Area commenti (4) »

“Al declinare della notte ,io cado spesso in un sonno leggero;e nei sogni incontro le medesime  persone , le medesime città dei miei ricordi(…) mi par d’udire un debole strido di spavento e di intravvedere nelle debole luci del giorno, una frotta di essere effimeri che fuggono confusamente dalla stanza(…)s’io levo le pupille si dileguano […]

Continua...

Corriere della Sera: In preparazione per il Festival di Spoleto. Monica Guerritore: Oriana è ancora tra noi

teatro Area commenti (1) »

22-02-2011 Occhi, guerre e paura per diventare la Fallaci Monica Guerritore: Oriana è ancora tra noi Deve aver mantenuto quegli occhi immensi fino alla fine Oriana. Occhi intelligenti, feroci, vivi che immagino abbiano continuato a parlare ben oltre il tempo nel quale non ha parlato più. Quegli occhi, immagino, continueranno a parlare anche in scena, […]

Continua...

La mia Giovanna d’Arco, il mio Dante sulla via di New York..!

appuntamenti, monica scrive Area commenti (9) »

Ero tutta tesa a prepararci al meglio insieme ai miei collaboratori, quando con la semplice lettura di poche righe, di una donna che si chiama Veronica , in una trasmissione televisiva ( Annozero) hanno provato a trascinarmi nella ormai consueto purtroppo massacro mediatico.  La mia vita scomposta in sequenze e in immagini che ricomposte in […]

Continua...